Pro Civitate Christiana
Pro Civitate Museum - Osservatorio Cristiano alla Cittadella di Assisi
Torna alla Home
Archivio News
Archivio Visite Virtuali
Cataloghi
Biblioteca
Cinquecentine
Acquista on-line
Crediti
Cerca nel sito

News

Mostra: Floriano Bodini 'La profonda facoltà di scalfire l'indifferenza'


In occasione del 15° anno della morte del grande artista Floriano Bodini, in esposizione l'intera raccolta delle opere di pittura, scultura e grafica (Gemonio/Varese 1933-Milano 2005) della collezione della Galleria d'Arte Contemporanea della Pro Civitate Christiana.

Floriano Bodini nasce a Gemonio (Varese) nel 1933. Floriano Bodini nasce a Gemonio (Varese) nel 1933. 'Fin da bambino sentivo di essere nato per fare il pittore o lo scultore.
Imparai i primi elementi da mio nonno, che era affreschista. Mi ricordo che da piccolino mi sedevo vicino a lui e lo guardavo lavorare.
Avevo circa 5 anni quando mi trasferii a Milano dove, quando ebbi l'età giusta, mi iscrissi a Brera. Sono stato allievo di Francesco Messina. Il periodo più intenso, dal punto di vista formativo? Direi che è stato quello del militare che feci a Roma come granatiere. Disegnavo e dipingevo molto (io ho cominciato come pittore) e stavo molto nei musei. Scoprii e approfondii in quegli anni il romanico e il gotico, e gli etruschi. Perché sentivo il bisogno di studiare gli antichi? (..) Trovavo in essi perfettamente raggiunto, sul piano estetico, quello che l'arte moderna cerca, spesso per vie sbagliate o perlomeno traverse' (Da una intervista di Enzo Fabiani, giornalista amico dello scultore, che gli ha anche fatto il ritratto in bronzo). Il rapporto di Floriano Bodini con la Cittadella comincia nel 1954 quando l'artista ventenne viene invitato a partecipare ad un concorso dal tema 'Gesù divino lavoratore', riuscendo ad essere premiato con la sua interpretazione. Successivamente, la Cittadella organizza una personale sull'artista, in seguito alla quale viene acquistata l'opera 'Papa e Vescovi', realizzata in bronzo all'inizio del Concilio Vaticano II.
Opere originali in esposizione: Papa Giovanni e i cardinali, bronzo, 1963, cat. n. 1529. Esposto alla Mostra personale organizzata dalla Pro Civitate Christiana di Assisi 1963 e successivo acquisto per la propria Galleria, (cfr. catalogo regionale dei Beni Culturali dell'Umbria); Gesù divino lavoratore, olio su tela, 1954, cat. n.1419, premio acquisto della Pro Civitate Cristiana (PCC) al concorso indetto dalla medesima per studenti delle Accademie d'Arte Italiane (cfr. catalogo regionale dei Beni Culturali dell'Umbria); Crocifissione, tecnica mista su cartone, 1957, cat. 1553. Dono dell'artista alla PCC;
Crocifissione, tecnica mista su carta, 1957 ca., cat. 1554. Dono dell'artista alla PCC;
n° 17 disegni a china sulla vita di Cristo e della Vergine, e n° 1 crocifissione eseguita a punta secca, doni dell'artista.
 
 
E-mail